Più di 750.000 “predatori” sessuali a caccia di bambini, sono connessi a internet in modo continuativo * 40 milioni di bambini nel mondo sono vittime di abusi sessuali: 1 bambina su 4 e 1 bambino su 9 hanno subito qualche forma di abuso sessuale prima di compiere i 18 anni

sabato 25 settembre 2010

Contro la Pedofilia, oltre le parole… i fatti

Abbiamo scelto a caso alcune delle segnalazioni che arrivano, attraverso il servizio di "messaggio anonimo" di questo blog e le pubblichiamo di seguito, per mostrare quanto funziona questo sistema, ma soprattutto quanto sia importante per aderire a sconfiggere la pedofilia in rete.
navigare anonimo1 Sappiamo che molte persone non lasciano messaggi per paura di esporsi, questo metodo è studiato appunto per mantenere l'anonimato, anche noi che riceviamo i messaggi non conosciamo il mittente, questi può, al momento di spedire la segnalazione, scegliere se identificarsi, altrimenti il messaggio parte automaticamente in anonimato.
Noi stessi consigliamo di non rilasciare mai il nome e comunque, non pubblichiamo mai nessun nominativo.
Questa precauzione la riteniamo molto importante, anche entrando nel gruppo attivo "Odio la Pedofilia" non si deve rilasciare altro che un nikname (soprannome), comunichiamo attraverso una casella postale "zeronesto@yahoo.it", oppure facebook, dove stiamo anche costruendo un gruppo.
image Certo, non siamo noi quelli che devono nascondersi, ma i nostri nemici, però è importante che proprio loro non conoscano i nomi di chi gli da la caccia o segnala la loro presenza e attività pedofila.
Speriamo che leggendo i seguenti messaggi, venga la voglia e la volontà di lottare con noi, le parole nel web scorrono come un fiume in piena, specialmente quelle contro la pedofilia, siamo sempre ben lieti di leggere intere pagine che esprimono il disprezzo verso i pedofili, ma noi mettiamo in pratica queste parole, diamo seguito ad esse con i fatti, i pedofili, quando vengono smascherati, smettono di praticare la loro perversione.
Per chi sente il bisogno di andare oltre le parole, offriamo una scelta, unirsi a noi, aiutarci a fermare la pedofilia.
 



Messaggio: mid porntube basta navigare unpò lo schifo di siti addirittura pure animali mi vergogno per i miei figli che mondo gli stiamo dando... perché non mettono la pena di morte.



Messaggio: vivo a Vxxxx(xx),e abbiamo notato che un signore anziano, in via E.Axxxxxxxxxxi di fronte al supermercato Conad in una palazzina ancora grezza perché sotto sequestro si intrufola e si tocca e si fa notare mentre le bambine giocano. Indossa spesso bermuda panna e maglia a righe.



Messaggio: complimenti per il lavoro che state svolgendo! spero possiate aiutare anche me nel mio piccolo lavoro... mi sto laureando in psicologia dello sviluppo e tutela dei minori con una tesi sul profilo psicologico/criminologico del pedofilo. Non riesco a trovare da nessuna parte le leggi che puniscono questo reato in America e in Inghilterra, voi potreste darmi qualche infomrazione in proposito? grazie in anticipo e ancora complimenti per il vostro lavoro!!!



Messaggio: Vorrei sapere la legge in Italia. Il mio Zio ma fatto l'abuso sessuale per anni quando ero piccola. Io abito in Ingleterra. Ce lo detto a CEOP ma la polizia Italiana ha fatto niente fin ora. Io ho 40 anni, e passato troppo tempo? Sono Italiana, la mia famiglia e in Sicilia. Mia Mamma lo sa ma non mi vuole aiutare, e il suo fratello. Lui dice che non e vero...lo so che non ero l'unica...
aspetto la vostra email..grazie. Pxxx



Messaggio: Buonasera. Intanto grazie per il servizio. Sono un appassionato di Manga giapponesi e navigando in internet mi sono imbattuto in questo sito: www.notfourchan.net All'interno del sito (che si occupa di Hentai) ho visto una foto pedopornografica con un link. Ho aperto il link e mi sono ritrovato in una sorta di forum "privato" con moltissime immagini. Mi sono spaventato è ho cancellato l'intera cronologia e cookies del browser. Purtroppo era un link strano, impossibile da ricordare a memoria. Sono tornato nuovamente nel sito Hentai ma pare sia stato rimosso dall'Admini di Notfourchan.net (anche loro hanno del materiale molto "discutibile", ma so anche che in Giappone il genere Hentai è legale e abbastanza diffuso). L'iter della polizia stradale mi sembrava troppo complesso, al che spero di aver fatto ugualmente un servizio utile e mi riservo magari di contattare il telefono arcobaleno.
Grazie Andrea



Messaggio: potete controllare ce una chat accessibile da wxw.sexycoppie.it oppure www.morenasex.net dove ora in questo momento ce una stanza creata credo da utenti chiamata separati con figlie 4 11 ci sono nik che mi sembrano strani non vorrei qualche porco stia scambiando materiale o addirittura creando appuntamenti. fareste un controllo? spero ora perche domani potrebbero cambiare nome alla stanza.



Messaggio: wxw.gladteen.com/x=0713.1152.7285. anche
wxw.wooowteen.com/?x=7281.8052. cliccate sempre sulla stessa foto anche 10 volte prima o poi vimanda su un sito porno nn so se sia un  metodo da voi conosciuto cmq io da foto  normali di sesso  di gente adulta mi a fatto andare su ste schifezze chiudete tutto e chi le crea.



Messaggio: ho appena finito di vedere i links sui preti pedofili. CHE SCHIFO!! MA CHE SCHIFO SOPRATTUTTO CHE VENGANO COSI' PROTETTI. CHIARO CHE SECONDO I DOGMI DELLA CHIESA, VADANO AIUTATI, MA DIETRO AD OGNI PAROLA, ANCHE QUELLE DI DON MAZZI, VEDO SOLO DELLA GRANDE IPOCRISIA. SARA' PER QUESTO CHE STANNO DANDO MOLTO SPAZIO ALLE CONVERSIONI DEI VIP?? PER BILANCIARE IL MARCIUME????



Messaggio: Caro Lupoparlante Raffaele (Zer0nestO),
siamo amici su facebook. Il mio nome è xxxxx xxxxx... Odio profondamente la pedofia; ne rimasi vittima da bambina e, da allora, sono in cerca di un paio di ali per spiccare quel volo libero e innocente che mi è stato sottratto con inaudita cattiveria.
Ho letto sul tuo blog che l'associazione "Zer0nestO" sta cercando aiuto e collaborazione. Strano a dirsi, ma credo veramente che io abbia bisogno del tuo aiuto! Segnalo su facebook gruppi e profili sospetti giornalmente... come uso dire: "vado a caccia" di mostri... ma, in realtà, mi sento sempre impotente: effettivamente da sola non posso fermare una piaga del genere! Per questo motivo ho bisogno del tuo appoggio: vorrei con tutto il cuore collaborare con la tua associazione. Il computer? Non è un problema per me: lo uso da anni e sono più o meno esperta...  Mettimi alla prova! Dammi la possibilità di entrare nel gruppo e di attenuare il mio senso di impotenza. Fammi sentire utile... Dammi una motivazione autentica che possa ridare dignità alla mia esistenza!
Attendo una tua risposta con ansia.



Messaggio: ciao l'altro giorno navigavo sul sito porn hub, involontariamente
mi si è digitato porn ru o porn hu o qualcosa del genere, da li ho dato una okkiata alle donne con dei super seni e donne asiatike, una volta clikkato sull'immaggine della donna,automaticamente sn stato reindrizzato sotto un sito pedo cr pedo pornografico!
è disgustoso, scovate qst sito,nn conosco esattamente il nome del sito ma è li da qlk parte. Kme è possibile che si venga reindrizzati automaticamente su uno di qst siti? possibile che il il nostro sistema penale nn riesca a fare qls? perché nn castriamo quegli pedofili di merda e li si taglia il pisello? scusate il linguaggio ma vi dico una cosa! se l'avessi il fucile
sparerei a qlsi pedofila e pedofilo in circolazione, ecco qst il ns sistema penale nn lo permette ma che un sito pedo sia nascosto sotto un'immagine di una donna con del bell seno si!!!!
il Paradosso dell'Italy! mi raccomando, scovate e fate chiudere quell porn ru o hu, vi potreste immettere in delle schifezze allucinanti.



Il sistema di messaggio anonimo è sempre attivo nel blog, sulla colonna della vostra destra, scorrendo la pagina si trova la finestra apposita, nel campo del nome si scrive un nikname o il proprio nome, mai il cognome, nel campo dell'indirizzo email, chi lo desidera, scrive la propria casella postale, lasciandolo bianco il messaggio sarà anonimo, imagenel campo del messaggio, chiaramente, si scrive la propria segnalazione o altro.
Ricordiamo che da questo blog diamo sostegno a chi ha subito adusi sessuali in  giovane età, a chi cerca in ogni modo il nostro aiuto, ogni segnalazione viene presa in  considerazione, purtroppo i tempi di risposta sono ancora lenti, ma stiamo crescendo, più velocemente di quanto speravamo.
In ultimo vogliamo mettere al corrente tutti i nostri visitatori, che le istituzioni non ci aiutano, ma al contrario ci contrastano, specialmente da quando il blog ha raggiunto un ottimo numero di visite, ma nessuno può fermarci.
IL NEMICO DEL MIO NEMICO E' MIO AMICO. 
firma

Read more...

venerdì 17 settembre 2010

Monsignor Vangheluwe e la chiesa belga

Il Papa ha accettato le dimissioni del vescovo belga di Bruges, monsignor Roger Vangheluwe, 74 anni, per abusi sessuali  compiuti su un minore anni fa. Lo ha reso noto ufficialmente la sala stampa vaticana.
Monsignor Roger Joseph Vangheluwe nasce a Roeselare (BRoger Joseph Vangheluwe elgio) il 7 novembre 1936, viene ordinato sacerdote il 1º febbraio 1963 e nominato vescovo di
Bruges il 15 dicembre 1984.
nell'aprile di quest'anno, all'età di 74 anni, confessa di aver abusato sessualmente di un minorenne, quando era ancora un novello sacerdote.
LA LETTERA DELLA SUA CONFESSIONE:
“Quando ero ancora un semplice sacerdote e per un certo tempo all’inizio del mio episcopato, ho abusato sessualmente di un giovane dell’ambiente a me vicino. La vittima ne è ancora segnata. Nel corso degli ultimi decenni, ho più volte riconosciuto la mia colpa nei suoi confronti, come nei confronti della sua famiglia, e ho domandato perdono. Ma questo non lo ha pacificato.
E neppure io lo sono. 
La tempesta mediatica di queste ultime settimane ha rafforzato il trauma, non è più possibile continuare in questa situBenedetto XVIazione, sono profondamente dispiaciuto per ciò che ho fatto e presento le mie scuse più sincere alla vittima, alla sua famiglia, a tutta la comunità cattolica e alla società in genere.
Ho presentato le mie dimissioni come vescovo di Bruges al papa
Benedetto XVI, sono state accettate venerdì.
Perciò mi ritiro”.
Vangheluwe confessa, ma specifica di aver abusato di un solo giovane e non chiarisce se una o più volte, (in realtà la giovane vittima era suo nipote e gli abusi sono proseguiti x 13 anni) è stato vescovo di Bruges dal 1984 all'attuali dimissioni, considerando l'enorme scandalo della pedofilia nella chiesa belga, il quasi totale coinvolgimento dei sacerdoti, compresi gli omertosi, lascia perplessi che il vescovo di una delle più importanti città del Belgio, esRoger Joseph Vangheluwe sendo dichiaratamente un pedofilo fin da giovane età, abbia adusato di un solo  minore, forse una sola volta, senza essere minimamente coinvolto nel giro di depravazione che aveva investito tutte le diocesi cattoliche del Belgio.
Adesso il monsignor Roger Vangheluwe è stato allontanato dal suo clericato da Benedetto XVI, si è dimesso ed ha dichiarato alla stampa: "Continuerò con discrezione a riflettere sulla mia vita e il mio avvenire, e fin da oggi lo farò in altro luogo, fuori dalla diocesi di Bruges".
Sicuramente potrà riflettere in serenità, soprattutto economica, dato che riceverà una pensione netta di 2.800 euro al mese (che equivale al 75% dello stipendio che riceveva in attività, 3.733 euro netti), nell’abbazia di Vleteren, un piccolo paradiso di pace, immerso nella natura, senza preoccupazioni, perché non potrà scontare una eventuale condanna x ragioni di età e "immunità ecclesiastica". abbazia
Al contrario, le vittime dei preti in Belgio, subiscono ancora il danno psicofisico, procuratogli dai loro carnefici, porteranno x sempre nella testa le violenze subite, lo dimostrano i 13 suicidi e almeno 6 tentati suicidi, emersi da un primo bilancio, ancora molto parziale, della tragedia rappresentata dagli abusi sessuali contro minori compiuta dal clero belga.
La
commissione Adriaenssens, costituita dall´episcopato e presieduta dal neuropsichiatra infantile Peter Adriaenssens, indaga sui tanti episodi di violenza Peter Adriaenssens sessuale, è stato da questi redatto un primo dossier, il  rapporto verte su 124 testimonianze esaminate tra i quasi cinquecento casi che sono stati denunciati alla commissione tra gennaio e giugno scorsi.
Il professor Adriaenssens ha dichiarato: «Dal solo dato dei suicidi e di tentati suicidi si può capire l´ampiezza dei danni provocati sulle vittime, le vittime attendono e meritano una Chiesa coraggiosa, che non teme di essere messa di fronte alla propria vulnerabilità, di riconoscerla e di cooperare alla ricerca di risposte eque».
Secondo il rapporto, «nessuna congregazione religiosa sfugge alle pratiche di abusi sessuali sui minori compiute da uno o più dei suoi membri». La maggior parte dei fatti presi in esame risale a molti anni fa, dagli anni Cinquanta agli anni Ottanta, ed è dunque caduta in prescrizione da un punto di vista penale. Due terzi dei casi hanno avuto per vittime bambini, mentre un terzo sono bambine. L´età media delle vittime al momento degli abusi è di dodici anni, anche se si registrano casi di violenze compiute su piccoli di due o cinque anni.
Oggi, le persone che hanno trovato il coraggio di rivolgersi alla commissione episcopale hanno in media cinquanta o sessant´anni. Ma per molte di loro il trauma delle violenze subite è ancora vivo e doloroso.
Il cardinale
Godfried Danneels, ex primate della Chiesa belga, è sotto inchiesta x la sua latente omertà dimostrata, era stato avvertito Godfried Danneels molte volte di ciò che accadeva all'interno delle diocesi, ma oltre a non denunciare mai i fatti, chiedeva a chi gli faceva le confessioni di essere altrettanto omertoso, x il buon nome della chiesa.
Danneels nega chiaramente, ma la registrazione di alcune telefonate dimostrano quanto il cardinale abbia tenuto nel silenzio l'orrore che si perpetrava, permettendo in tal modo, ai carnefici di continuare a seviziare i ragazzini.
Anche nel caso di Roger Vangheluwe ha mantenuto il silenzio, ma stavolta ammette la colpa, dichiarando: "Una sera di inizio aprile, mentre stavo rientrando in macchina a Malines, ho ricevuto una telefonata da mons. Vangheluwe che mi ha confidato di aver abusato per anni di uno dei suoi nipoti, sono caduto dalle nuvole, sconvolto da quel che apprendevo. Sono rimasto praticamente muto, lui ha detto solo che era estremamente grave. Qualche giorno dopo, mi ha richiamato e mi ha domandato se ero pronto ad incontrare alcuni membri della sua famiglia. Mi era sempre stato vicino. Era divenuto mio amico ma non gli ho risposto subito ed ho domandato un tempo di riflessione".
Ammette di non aver denunciato il fatto, ne autorità ecclesiastiche, ne alla polizia di stato, ma Godfried Danneels confessa questa sua mancanza solo perché la telefonata ricevuta da Roger Vangheluwe è stata registrata, una prova tanto evidente da non poter essere smentita. 7giugno_2007
Purtroppo questa è l'ennesima dimostrazione che non solo i sacerdoti pedofili stuprano i bambini, ma nessun'altro prete gli impedisce di farlo, mantenendo fede all'omertà richiesta specificatamente dalla madre chiesa, vedi "
Crimes Sollicitationis" un documento redatto dal vaticano nel 1962, che istruisce i cardinali su come trattare le accuse di abusi  su minori contro preti, impone un giuramento di segretezza sui bambini vittime di tali atti, sui preti coinvolti ed ogni altro testimone.
Rompere la promessa significa la scomunica dalla Chiesa Cattolica.
Il Cardinale Joseph Ratzinger, prefetto della congregazione per la Dottrina della Fede, 20 anni prima che diventasse Papa, ha rinnovato le imposizioni del "Crimes Sollecitationis", ritenendo fondamentale x l'armonia della chiesa l'omertà dovuta al mantenimento del buon nome di questa. Vi invitiamo a visionare questo video di Maurizio Turco, dal titolo “Pedofilia: i segreti di Ratzinger” 


La commissione ha rilasciato un dossier sui risultati delle indagini fin qui svolte sulla chiesa belga, chiamato "Rapporto CHOC" perché lascia letteralmente scioccato chi lo legge.
RAPPORTO CHOC:
BRUXELLES - Tredici suicidi, almeno sei tentati suicidi. Questo è un primo bilancio, ancora molto parziale, della tragedia rappresentata dagli abusi sessuali contro minori compiuti dal clero belga. È quanto risulta dal rapporto della Commissione indipendente costituita dall´episcopato e presieduta dal neuropsichiatra infantile Peter Adriaennsens, che è stato presentato ieri alla stampa.
Il rapporto verte su 124 testimonianze esaminate tra i quasi cinquecento casi che sono stati denunciati alla commissione tra gennaio e giugno scorsi.
«Dal solo dato dei suicidi e di tentati suicidi si può capire l´ampiezza dei danni provocati sulle vittime», ha detto il professor Adriaennsens incontrando la stampa. «Le vittime - ha detto ancora il neuropsichiatra - attendono e meritano una Chiesa coraggiosa, che non teme di essere messa di fronte alla propria vulnerabilità, di riconoscerla e di cooperare alla ricerca di risposte eque».
Secondo il rapporto, «nessuna congregazione religiosa sfugge alle pratiche di abusi sessuali sui minori compiute da uno o più dei suoi membri». La maggior parte dei fatti presi in esame risale a molti anni fa, dagli anni Cinquanta agli anni Ottanta, ed è dunque caduta in prescrizione da un punto di vista penale. Due terzi dei casi hanno avuto per vittime bambini, mentre un terzo sono bambine. L´età media delle vittime al momento degli abusi è di dodici anni, anche se si registrano casi di violenze compiute su piccoli di due o cinque anni.
Oggi, le persone che hanno trovato il coraggio di rivolgersi alla commissione episcopale hanno in media cinquanta o sessanta anni. Ma per molte di loro il trauma delle violenze subite è ancora vivo e doloroso.


Tutto il dossier originale, si può visionare CLICCANDO QUI, è in lingua olandese, x la traduzione ognuno scelga il programma che preferisce, consiglio il semplice traduttore di google
cardinali Una donna che era stata abusata da un sacerdote nel 1983, racconta di essere andata a denunciare le molestie al suo vescovo. E di essersi sentita rispondere: «Smetti di guardarlo e vedrai che ti lascerà in pace».
processione Il sacerdote belga Eric Dejaeger, è ricercato dall'Interpol, perché condannato con l'accusa di abusi su minori con l'aggravante Eric Dejaeger di altre accuse, è attualmente rifugiato sotto la protezione dei Padri Oblati a Bladen nelle Fiandre ed ha già fatto sapere che la sua intenzione è costituirsi alle autorità competenti, ...ancora non l'ha fatto, nel frattempo si gode gli agi e la tranquillità della natura. cattolicesimo_01
Finora solo il 5% delle vittime dei preti pedofili hanno ricevuto un risarcimento economico, mentre le scuse gratuite sono state interamente distribuite, 100% netto.
benedizione del papa Attualmente ci sono almeno una ventina di sacerdoti ricercati protetti all'interno dello Stato vaticano o nei conventi, in particolare quelli dei Padri Oblati.

Padre Nostro, che sei nei cieli,
proteggi i nostri figli dai preti pedofili.
Padre Nostro, prega per noi,
ma soprattutto prega per i nostri bambini.
Sia fatta la Tua volontà,
non quella dei pedofili, in abiti che ti rappresentano.
Rimetti ai preti pedofili i loro debiti,
come noi li rimettiamo ai nostri debitori.
Non indurli in tentazione,
ma libera i bambini dal loro male.
Amen 
firma

Read more...

domenica 5 settembre 2010

Il pulsante antipedofilia in facebook

Il pulsantepanic button di allarme pedofilia su facebook, in Gran Bretagna è una realtà e le  segnalazioni di presunti pedofili e comportamenti sospetti nei confronti dei minori sono aumentate di ben sette volte dopo l'installazione di questa applicazione.
Viene istallato in luglio, dopo lunghi dibattimenti tra favorevoli e contrari, si chiama: "panic button" nato con lo scoMark Zuckerbergpo di proteggere gli adolescenti dai molestatori, questa applicazione consiste in un avviso  automatico che appare sulle home page e invita a segnalare eventuali abusi al profilo.
L’iniziativa è nata grazie alla collaborazione tra il social network di Mark Zuckerberg e il Child Explotation and Online Protection Centre. La decisione di creare un sistema per la tutela dei minori dagli abusi dei pedofili è nata dopo che lo stupratore seriale Peter Chapman ha violentato e ucciso una 17enne conosciuta proprio su Facebook, fingendosi un coetaneo.
E' sicuramente un tentativo concreto di affrontare un problema ormai riconosciuto, l'uso dceopel famoso social network x adescare bambini è una pratica molto diffusa tra i pedofili, sistema che usano anche x comunicare tra di loro e scambiarsi consigli e  metodi x migliorarsi ed aumentare le tristi conquiste, indisturbati, protetti da una legge sulla privacy che finora gli è stata molto utile x restare anonimi.
La pedofilia online si è ramificata nellaPeter Chapman rete da molto tempo, ma i grandi contenitori d'informazione non hanno mai comunicato la grandezza del problema, solo negli ultimi tempi e dopo l'ennesima statistica che indicava l'elevato numero degli adescamenti tramite i social network hanno dedicato   servizi giornalistici al riguardo, mentre i blog tematici, come il nostro, gridavano da tempo l'esistenza di questo fenomeno e la necessità di prendere seri provvedimenti, incrementando la severità ed il rinnovo delle leggi, adeguandole alla sua grandezza.Ashleigh Hall
Questa del pulsante antipedofilia, è un'ottima iniziativa, in Inghilterra ha già dato buoni risultati, la decisione di aggiungere in homepage il "panic-button" è stata presa dopo l’assassinio di una teenager, Ashleigh Hall, ragazza di 17 anni uccisa da uno “stupratore seriale”, Peter Chapman, 33 anni già condannato altre volte e incontrato proprio sul popolare sito di social networking di Mark Zuckerberger, purtroppo questo caso specifico dimostra l'incapacità di fermare i pedofili che navigano nella rete a caccia di adolescenti, il pedofilo Peter Chapman, era già stato condannato più volte x questo tipo di reato, ma oltre ad essere ancora libero di nuocere, nonostante fosse sottoposto a controllo continuo dei suoi polizia postale spostamenti perché  iscritto nel registro dei molestatori sessuali, era del tutto scomparso dal “radar” delle autorità da almeno 9 mesi, mentre lui si costruiva un profilo in facebook del tutto fittizio, riusciva ad adescare la giovane vittima, la rapiva, la violentava ripetutamente e infine la uccideva, gettandone il corpo in un canale, se la legge fosse stata più severa e più presente, Ashleigh Hall, 17 anni, sarebbe ancora viva.
Child Exploitation and Online Protection Centre (Ceop), Jim Gamble è l'amministratore delegato di questa associazione a cui fa riferimento il pulsante anti-panico, promotore di iniziative quasi sito del ceop mai prese in seria considerazione, anche in questo caso, l'applicazione contro la pedofilia non è stata accettata oltre la Gran Bretagna, le spiegazioni di tale decisione non sono chiare, ma la realtà è che il pulsante non è stato istallato.
In Italia esiste an'associazione simile a quella del Ceop, è l'associazione Meter di Don Fortunato Di Noto, qualche settimana fa Meter, ha fornito una raccapricciate “classifica” con i dati relativi alla presenza di siti pedo-pornografici su internet, in maggioranza dislocati in Russia e Don Fortunato Di Noto negli Stati Uniti ed ha messo in guardia sull’intrusione di questo terribile fenomeno anche su Facebook. La Polizia Postale di Catania ha aperto, proprio in base alle segnalazioni di Meter, 340 fascicoli che contengono ben 2.850 siti pedo-pornografici segnalati.
In particolare, la triste graduatoria della pedo-pornografia in rete è così distribuita.

Negli Usa troviamo il 29% di questi, in Russia il 27%, in Olanda il 6%, in Inghilterra il 5%, in Cina il 4%.
Seguono poi Germania e Polonia col 3%.
Italia, Spagna, Francia, Belgio, Austria, Svezia, Liechtenstein, Giappone, Corea del Jim Gamble Sud, Turchia hanno, fortunatamente, una presenza pari solo al 2%. Chiudono, infine Israele, Svizzera, Iran, Iraq con l’1%. Secondo Meter, risultano diminuiti i siti italiani anche perché, sempre più spesso, i gestori dei siti pedofili si rivolgono all’estero per evitare di essere scoperti. facebook
Continua, invece, anche in Italia l’utilizzo del file sharing per la diffusione e lo scambio di file pedo-pornografici se è vero che il 60% delle indagini della Polizia postale italiana interessano proprio questo  settore.

“Approfittando di questi sistemi di rete - si legge nel rapporto – i pedofili si legano tra loro con divulgazione di video, foto, link e notizie di riferimento, scambiandosi collezioni private prodotte da loro stessi“, fa sapere Meter.
In generale, le segnalazioni dell’associazione siracusana alla Polizia postale nel 2008 sono state 2.850, mentre negli ultimi cinque anni sono stati oltre 44mila i siti e i riferimenti pedofili segnalati a tutte la Polizie del mondo. 
panic button La pedofilia deve essere fermata, ogni persona deve sentirsi in dovere di lottare contro questa perversione, che distrugge la vita dei bambini, chi si macchia di tale orribile reato deve essere immediatamente denunciato, deve essere scoraggiato a commetterne ancora da una severità senza compromessi, pagando sulla propria pelle il dolore fisico e morale che ha inflitto alla giovane vittima per soddisfare la sua depravazione, solo così possiamo sperare che smetta di far del male, tutti i sistemi diversi, tolleranti, comprensivi, educativi, sono falliti, le carote sono finite, è il tempo del bastone.
firma

Read more...

RISULTATI SONDAGGIO CASTRAZIONE CHIMICA

Risultati del sondaggio con votazione sulla castrazione chimica:

SI alla castrazione chimica 38%

NO alla castrazione chimica 6%

contrario alle punizioni corporali 5%

meglio la castrazione totale 51%

Risultati del sondaggio con votazione sul bracciale elettronico imposto ai pedofili:

SI 92%
NO 02%

AIUTIAMO MARIAPIA A RIAVERE LE SUE BAMBINE

Ci associamo a questa iniziativa proposta dal gruppo: MOVIMENTO CIVILE CONTRO LA PEDOFILIA - GLI ATTIVISTI, ricevuta da Monia Lorenzetti in favore di Maria Pia e le sue bambine



RAGAZZI INVIAMO OGNI 8 DEL MESE QUESTO MESSAGGIO ALLE AUTORITA’ ITALIANA/BELGA PER AIUTARE MARIA PIA A RIAVERE LE SUE BAMBINE, RAPITE DAL PADRE CHE CON IL NONNO ED ALTRE SPREGEVOLI PERSONE ABUSA DI LORO.



LA BOZZA MAIL DA INVIARE E’:

Sono stato(a) informato(a), via internet, della vicenda della Signora MAOLONI Maria-Pia e delle sue due bambine, Fiona e Milla ANTONINI.

Sono scioccato(a) di sapere che queste due bambine, rapite in Italia, sono oggi, sequestrate in Belgio e affidate alla loro famiglia paterna, sospettata di abusi sessuali .

Sono più di 1148 giorni (3 anni) che la loro mamma, MAOLONI Maria-Pia, rimane senza notizie delle sue bambine. Per altro, la famiglia materna che risiede in Belgio non può nemmeno avere dei contatti con Fiona e Milla, le loro nipotine.

Le devo dire che ho delle difficoltà a capire questa situazione e la domanda che le faccio e’ :

Per quale motivo Fiona e Milla sono state private di qualsivoglia contatto sia con la loro mamma sia con la loro famiglia materna, e perché questa situazione perdura da cosi tanto tempo ?

Voglio sperare che Lei mi potrà aiutare a capire e a rispondere a questa domanda.



Distinti saluti.



COGNOME e NOME



GLI INDIRIZZI A CUI MANDARLA:

taoufik.bensaida@cfwb.be ;spj.mons@cfwb.be ;dgde@cfwb.be ;110@childfocus.org ;jacques.barrot@ec.eeuropa.eu ;stefaan.declerck@just.fgov.be ;laetitia.lambot@cfwb.be ;info@laurette-onkelinx.be ;info@wathelet.fed.be;info@diplobel.fed.be;infodesk@ohchr.org;cbu@unicef.be ;brussels@unicef.org ; amnestynews@amnesty.fr; webmestre@amnesty.fr ;EO@ombudsman.europa.eu; drozenberg@liguedh.be; ldh@liguedh.be ;urgent-action@ohchr.org ; tb-petitions@ohchr.org; 1503@ohchr.org; epbrussels@europarl.europa.eu;roseline.demoustier@just.fgov.be; jean.gautier@diplobel.fed.be; andrew.drzemczewski@coe.int;eo@ombudsman.europa.eu; cdcj@coe.int ; rapt-parental@just.fgov.be ;kinderontvoering@just.fgov.be ;otp.informationdesk@icc-cpi.int ;contact@ajefrance.com;francesco.crisafulli@esteri.it; segreteria.bruxelles@esteri.it; ambbruxelles@esteri.it;segreteria.mons@esteri.it; segreteria.frattini@esteri.it; dgit4@esteri.it; autoritacentrali.dgm@giustizia.it;segrpart.dag@giustizia.it; vicecapodipartimento.dag@giustiziacert.it; giovannipaolo.nuvoli@giustizia.it;segreteria.dgcivile.dag@giustizia.it;










PEDOFILIA IN ITALIA le cifre

Sono 854 ogni anno i bambini scomparsi in Italia dal 1996, più di due al giorno, di cui 380 non sono ancora stati trovati . Sette bambini su mille subiscono violenze, mentre due milioni sono nel mondo i piccoli schiavi del sesso, venduti dai duecento ai mille dollari l'uno. Due bambini al giorno in Italia sono oggetto di abusi sessuali. Negli ultimi quattro anni le violenze su minori sono cresciute di oltre il 90%, passando da 305 nel '96 a 470 nel '97 a 534 nel '98 fino a 586 nel 1999. Mille i processi svolti per reati le cui vittime sono bambini abusati e maltrattati, per un terzo sotto i tre anni. Nella metà dei casi si tratta di violenze sessuali, seguite da abuso fisico (33 %), trascuratezza (21,8%) e abuso psicologico (19,8%). Ma si stima che i casi di pedofilia in Italia siano 21000 all'anno. E la nuova frontiera Internet ? Sono 7650 i siti pedofili identificati e censurati nel 1999, il 55% negli Stati Uniti, il 13% nell'est europeo, il 5% in medio oriente. Ma si stima che possono essere 10 volte tanto. 300 sono le organizzazioni pedofile che si definiscono "culturali", 15 in Italia. Il mercato on-line della pedofilia ha un giro d'affari di oltre 5 miliardi di dollari: solo il settore delle videocassette frutta 280 milioni di dollari. Una foto costa in media 30 dollari ma arriva facilmente a 100 per le violenze e le scene con animali.
Dati: Censis, Telefono Azzurro, Criminalpol

  © Blogger templates The Professional Template by Ourblogtemplates.com 2008

Back to TOP